Come ottenere il Superbonus 110%

Con questo articolo scoprirete come ottenere il Superbonus 110%!!

Come ottenere il Superbonus 110%
Come ottenere il Superbonus 110%

Il superbonus come già approfondito nella Guida Completa superbonus 110% è una detrazione fiscale pari al 110% dei costi sostenuti per le ristrutturazione degli immobili esistenti che conseguono i seguenti obbiettivi:

  1. Un risparmio energetico ed il conseguente doppio salto di classe energetico
  2. Un miglioramento sismico delle strutture

Per ricapitolare brevemente è necessario effettuare almeno uno dei seguenti interventi “trainanti”

  1. Isolamento dell’edificio per una superficie minima pari al 25% della superficie disperdente
  2. Installazione di un nuovo impianto termico con caldaia a condensazione o ibrido (caldaia + pompa di calore) o pompa di calore
  3. Opere indicate nel Sismabonus

E successivamente possono essere detratti altri interventi elencati nel BonusCasa e nel Ecobonus come per esempio la sostituzione delle finestre, l’installazione di impianti fotovoltaici, ecc…

Ci sono tre possibilità per coprire i costi sostenuti:

  1. Pagare direttamente l’intervento per conto proprio: è necessario verificare la capienza IRPEF!
  2. Richiedere lo sconto in fattura alle imprese / professionisti coinvolti
  3. Cedere il credito, per esempio ad una banca di propria fiducia

Quest’ultima opzione risulta essere di più semplice realizzazione; se i costi da sostenere per le opere non superano i tetti massimi di spesa (vedi Guida Completa superbonus 110%) è possibile:

  • Non sostenere nessuna spesa (salvo eventuali spese richiesta dalla banca per l’anticipo del denaro per le imprese che realizzeranno le opere)
  • Avere a disposizione una nuova abitazione che consuma poco (.. e inquina molto meno) e con un maggiore confort abitativo
  • Avere a disposizione una abitazione che ha un valore economico maggiore avendo una classe energetica migliore

I passi da seguire per ottenere il superbonus 110% con la banca

La banca richiede una serie di documenti prima dell’inizio dei lavori; una parte dei documenti sono necessari per definire le caratteristiche dell’immobile, della proprietà ed una seconda parte più tecnica in cui vengono descritti la tipologia di interventi che si vogliono realizzare sull’immobile unitamente alle pratiche edilizie e termotecniche legate agli interventi stessi.

Il primo documento “non tecnico” necessario è:

  • Dichiarazione sostitutiva di atto notorio o autocertificazione

Questo documento, che viene sottoscritto da chi vuole accedere al superbonus 110%, contiene una serie di informazioni da autocertificare:

  • La proprietà dell’immobile identificandolo con tutti i dati catastali
  • Quali sono gli interventi “trainanti” che verranno eseguiti (vedi guida superbonus 110% per dettagli)
  • Quali sono gli interventi “trainati” per es. ecobonus e sismabonus, che verranno eseguiti (vedi guida superbonus 110% per dettagli)
  • Quali titoli abilitativi edilizio in possesso o che verranno realizzati
  • Data inizio lavori, avanzamento lavori e fine lavori prevista
  • Copia carta identità

Seguono una serie di documentazioni che deve produrre necessariamente un tecnico, di provata esperienza, in genere un professionista che si occupa di edilizia, termotecnica ed impiantistica termo-meccanica ed elettrica.

La documentazione è suddivisa su più fasi: una prima fase, preliminare all’inizio dei lavori, necessaria affinché la Banca possa approvare il progetto di ristrutturazione e le successive che vengono richieste durante lo svolgimento dei lavori.

Vediamo nel dettaglio quali documenti sono necessari nella fase preliminare, nella fase di stato avanzamento lavori (al 30% delle opere completate) ed un ultima fase a fine lavori.

Documenti necessari per la valutazione tecnica preliminare del progetto – FASE 1

Questi sono tutti i documenti necessari alla banca che precedono l’inizio dei lavori e che verranno vagliati dalla stessa prima di procedere all’accettazione della pratica Superbonus 110%:

  1. Visura catastale della/delle unità immobiliari;
  2. Dichiarazione di assenza di non conformità catastali ed urbanistiche;
  3. Delibera dell’assemblea del Condominio validamente resa (solo nel caso di condominio);
  4. APE (Attestato di prestazione energetica) dello stato iniziale: ha la funzione di stabilire la classe energetica iniziale della singola unità abitativa, se ed un edificio unifamiliare (villetta singola o a schiera), oppure la classe energetica dell’intero Condominio. In entrambi i casi è necessario redarre un APE chiamato “convenzionale” in accordo alle normative “Nazionali” e non regionali;
  5. Analisi preventiva e studio di fattibilità strutturale (se si richiede il sismabonus) e/o analisi energetica con evidenza del doppio salto di classe;
  6. Pratica edilizia con progetto edilizio e/o strutturale completa di grafici, disegni, fotografie dell’immobile e particolari oggetti di intervento;
  7. Relazione tecnica sul contenimento energetico ex Legge10/91;
  8. Preventivi delle opere e/o computi metrici con riepilogo delle tipologie di intervento ammesse alle detrazioni fiscali;
  9. Schede tecniche dei nuovi materiali ed impianti in progetto: tipo isolamento con relative certificazioni, generatore di calore, pompe di calore, impianto fotovoltaico, sistema di accumulo, ecc.

Nel caso vengano eseguiti opere sull’involucro edilizio sono necessari:

Per le superficie opache (pareti esterne o verso locali non riscaldati, solette sottotetto, solette verso locali non riscaldati)

Dichiarazioni del professionista riguardo:

  • (Superbonus) intervento su superficie opaca > 25% della superficie totale disperdente dell’edificio
  • (Bonus Facciate) intervento non superiore 10% intonaco e zona urbanistica intervento A o B (vedi requisiti accesso Bonus Facciate)

Per le superfici trasparenti (finestre, porte-finestre, luci, lucernari, oscuranti esterni)

  • Schede tecniche delle componenti sostituite (es. nuovi serramenti, nuovi oscuranti)

Documenti necessari per la cessione del credito al momento del SAL (stato avanzamento lavori) – FASE 2

  1. Comunicazione di inizio lavori depositata presso il Comune
  2. Scheda descrittiva dell’intervento con dichiarazione del professionista attestante la % SAL, allegati Preventivi e/o Computi metrici SAL con riepilogo delle tipologie di intervento ammesse alle detrazioni fiscali e relazione fotografica a supporto
  3. Asseverazione professionista abilitato su requisiti e congruità e relativi allegati
  4. Copia comunicazione e ricevuta informatica Enea e/o del deposito presso sportello unico competente
  5. Fatture e Bonifici idonei alle agevolazioni fiscali (cd. Bonifici Parlanti)
  6. Visto di conformità (redatto da un commercialista o direttamente dalla società di consulenza proposta dalla Banca)

Documenti necessari per la cessione del credito al momento della FINE LAVORI  – FASE 3

  1. Scheda descrittiva dell’intervento con dichiarazione del professionista attestante la % SAL, allegati Preventivi e/o Computi metrici SAL con riepilogo delle tipologie di intervento ammesse alle detrazioni fiscali e relazione fotografica a supporto
  2. APE stato finale
  3. Asseverazione professionista abilitato su requisiti e congruità e relativi allegati
  4. Copia comunicazione e ricevuta informatica Enea
  5. Fatture e Bonifici idonei alle agevolazioni fiscali (cd. Bonifici Parlanti)
  6. Segnalazione Certificata di Agibilità
  7. Relazione finale comprensiva di collaudo ed Asseverazione
  8. Schede tecniche materiali acquistati e dichiarazione di corretta posa
  9. Dichiarazione di fine lavori
  10. Visto di conformità (redatto da un commercialista o direttamente dalla società di consulenza proposta dalla Banca)

Quali sono i professionisti necessari per ottenere il superbonus 110%

I professionisti necessari per portare a termine la pratica superbonus 110% sono diversi:

  1. Ingegnere civile o edile, architetto, geometra, perito edile per le seguenti attività:
    • Verifica congruità urbanistica e catastale dell’immobile
    • Pratiche edilizie comunali
    • Asseverazione edilizia immobile
  2. Ingegnere termotecnico/impiantista, perito termotecnico per le seguenti attività:
    • Diagnosi energetica e progetto energetico per il doppio salto di classe
    • Progettazione impianti di riscaldamento
    • Asseverazione pratica Superbonus 110%
    • Redazione Attestato di Prestazione Energetica pre-intervento e post-intervento
    • Redazione Attestato di Prestazione Energetica finale regionale
  3. Ingegnere elettrotecnico/impiantista, perito elettrotecnico per la seguente attività:
    • Progettazione impianti elettrici e fotovoltaici
  4. Commercialista, revisore contabile, ragioniere, periti commerciali e consulenti del lavoro per la seguente attività:
    • Visto di conformità (vai alla check list per il visto di conformità de Fondazione Nazionale Commercialista)
Pensiamo Noi a tutte le pratiche tecniche !!!

Lo studio Paris è in grado di svolgere completamente i punti 1, 2, 3 e
se cederete il credito del Superbonus 110% alla Banca, il punto 4 lo svolgerà lei.

Per informazioni e preventivi: ing. Paris Mauro: 3387715769
oppure compila il modulo per essere ricontattati cliccando sotto: